Cos’è

La progettazione antincendio si occupa di predisporre, a seguito di un attento sopralluogo, un sistema di prevenzione e protezione nei confronti di potenziali incendi tale da conseguire gli obiettivi di incolumità delle persone e di tutela dei beni e dell’ambiente.

L’attività si esplica attraverso la redazione e la trasmissione delle pratiche e delle procedute stabilite dalla normativa.

Audax Ingegneria fornisce servizi di progettazione antincendio, consulenza antincendio e la redazione di pratiche e certificati di prevenzione incendi in conformità alla più recente normativa, essendo dotata di Professionisti Antincendio abilitati ai sensi del D.M. 05/08/2011.

 

Soggetti Interessati

Le attività che devono ricorrere alla progettazione antincendio, ottenendo così il certificato di prevenzione incendi (CPI), sono tutte quelle rientranti nell’elenco delle attività soggette ai controlli dei Vigili del Fuoco ai sensi del D.P.R. 151/2011.

Le suddette attività sono tenute, inoltre, a munirsi dell’Attestazione di rinnovo periodico di conformità antincendio con cadenza quinquennale, come stabilito all’Art. 5, Allegato I del DPR 151 dell’1/08/2011.

Tra queste, le più comuni sono:

  • Autorimesse pubbliche e private con superficie complessiva superiore a 300 m2
  • Tipografie, litografie e affini con oltre 5 addetti.
  • Edifici destinati ad uso civile e condomini con altezza superiore a 24 m.
  • Attività di deposito e/o commercio di gas e liquidi infiammabili
  • Officine e laboratori con saldatura e tagli di metalli o verniciatura con oltre 5 addetti alla mansione specifica
  • Impianti fissi di distribuzione carburanti
  • Stabilimenti ed impianti ove si producano, impiegano o detengono sostanze esplodenti
  • Stabilimenti ed impianti per la produzione della carta e dei cartoni con oltre 25 addetti o con materiale in lavorazione e deposito superiore a 50.000 kg.
  • Depositi di legnami, paglia, fieno, carbone con quantità superiori a 50.000 kg.
  • Stabilimenti ed impianti per la produzione e/o detenzione di tessuti, arredi, tele con quantità superiori a 5.000 kg o con oltre 25 addetti.
  • Officine per la riparazione di veicoli a motore e rimorchi con superficie coperta superiore a 300 m2
  • Locali di pubblico spettacolo e di trattenimento, impianti sportivi, con capienza superiore a 100 persone o superiore a 200m2
  • Strutture ricettive (es: alberghi, case vacanze, bed & breakfast, ecc) con oltre 25 posti letto.
  • Scuole di ogni ordine e grado con oltre 100 persone presenti o asili nido con oltre 30 persone presenti.
  • Strutture sanitarie con oltre 25 posti letto o con superficie complessiva superiore a 500 m2
  • Locali adibiti ad esposizione e/o vedita con superficie superiore a 400 m2
  • Depositi di qualsiasi genere con superficie lorda superiore a 1000m2 o con merci in materiali conbustibili superiori a 5.000 kg.
  • Aziende ed uffici con oltre 300 persone presenti
  • Edifici con promiscuità di attività e presenza superiore a 300 unità o superficie maggiore di 5.000 m2
  • Stabilimenti di produzione di ceramiche e cementi con oltre 25 addetti
  • Stabilimenti per la produzione e deposito di sapone, candele, paraffina, cera ed affini con oltre 25 addetti
  • Stabilimenti ed impianti per la produzione e lavorazione di gomme e/o plastiche in quantità superiore a 5.000 kg
  • Mulini e depositi per zuccheri, cereali ed altre macinazioni

E’ bene inoltre ricordare che i titolari delle attività hanno l’obbligo di attivare nuovamente le procedure quando vi sono modifiche di lavorazione o di strutture ed ogni qualvolta sopraggiunga una modifica delle condizioni di sicurezza.